LA PESTE DI GIUSTINIANO DESCRITTA DA PROCOPIO DI CESAREA: a cura di Pietrino Pischedda

Posted on mar 26 in: Senza categoria - No Comments »

La peste di Giustiniano descritta da Procopio di Cesarea

541 – 542

A cura di Pietrino Pischedda traduttore del testo greco di seguito riportato

Breve presentazione

La peste di Giustiniano nel 541 è così denominata perché avvenne durante il regno dell’imperatore Giustiniano (527-565). Si diffuse prima nell’Impero romano d’Oriente e in seguito in tutto il bacino del Mediterraneo. È stata una delle epidemie devastanti della storia.

La causa della peste di Giustiniano fu un virus, lo Yersinia pestis, che colpi poi l’Europa nel Trecento (la peste nera).

Il contagio partì dall’Egitto; poi il morbo si propagò verso nord fino ad Alessandria. Viaggiò sulle navi mercantili e con le carovane. Infuriò nelle grandi città portuali e nei centri commerciali, dove la gente spesso abitava accalcata in condizioni igieniche abbastanza precarie. Ben presto l’epidemia arrivò anche a Costantinopoli, dove colpì senza tregua per quattro mesi tra il 541 e il 542.

Secondo lo storico Procopio di Cesarea, testimone oculare dell’epidemia, la peste decimò metà della popolazione della città, che in quegli anni contava circa un milione di abitanti. Un altro testimone, il vescovo Giovanni da Efeso, parla di circa 16 mila morti al giorno nella sola Costantinopoli.

La vita pubblica si bloccò quasi ovunque; i commerci si fermarono; la gente non usciva di casa per paura del contagio. Le campagne non poterono essere lavorate e i raccolti andarono perduti. Per molti, dopo la malattia ci fu la fame. I medici non avevano alcuna idea di come la malattia si diffondesse e tanto meno di come curarla. I rimedi si riducevano a bagni caldi, per cercare di far uscire dal corpo dei malati gli “umori” considerati “cattivi”.

Il segnale più evidente della malattia era un rigonfiamento, detto bubbone, all’inguine, sotto le ascelle oppure sulle cosce o dietro le orecchie. Alcuni provarono a inciderlo, senza ottenere alcun risultato. I malati che sopravvivevano diventavano, nella maggior parte dei casi, immuni alla malattia e solitamente non ne venivano più contagiati.

Presso gli antichi, ma anche nel Medioevo, la peste fu interpretata come segno della collera divina.

(Cfr. Wikipedia)

ΠΡΟΚΟΠΙΟΥ ΚΑΙΣΑΡΕΩΣ ΥΠΕΡ ΤΩΝ ΠΟΛΕΜΩΝ

PG Migne 2. 22

Ὑπὸ δὲ τοὺς χρόνους τούτους λοιμὸς γέγονεν, ἐξ οὗ δὴ ἅπαντα ὀλίγου ἐδέησε τὰ ἀνθρώπεια ἐξίτηλα εἶναι. ἅπασι μὲν οὖν τοῖς ἐξ οὐρανοῦ ἐπισκήπτουσιν ἴσως ἂν καὶ λέγοιτό τις ὑπ’ ἀνδρῶν τολμητῶν αἰτίου λόγος, οἷα πολλὰ φιλοῦσιν οἱ ταῦτα δεινοὶ αἰτίας τερατεύεσθαι οὐδαμῆ ἀνθρώπῳ καταληπτὰς οὔσας, φυσιολογίας τε ἀναπλάσσειν ὑπερορίους, ἐξεπιστάμενοι μὲν ὡς λέγουσιν οὐδὲν ὑγιὲς, ἀποχρῆν δὲ ἡγούμενοι σφίσιν, ἤν γε τῶν ἐντυγχανόντων τινὰς τῷ λόγῳ ἐξαπατήσαντες πείσωσι. τούτῳ μέντοι τῷ κακῷ πρόφασίν τινα ἢ λόγῳ εἰπεῖν ἢ διανοίᾳ λογίσασθαι μηχανή τις οὐδεμία ἐστὶ, πλήν γε δὴ ὅσα ἐς τὸν θεὸν ἀναφέρεσθαι. οὐ γὰρ ἐπὶ μέρους τῆς γῆς οὐδὲ ἀνθρώπων τισὶ γέγονεν οὐδέ τινα ὥραν τοῦ ἔτους ἔσχεν, ὅθεν ἂν καὶ σοφίσματα αἰτίας εὑρέσθαι δυνατὰ εἴη, ἀλλὰ περιεβάλλετο μὲν τὴν γῆν ξύμπασαν, βίους δὲ ἀνθρώπων ἅπαντας ἔβλαψε, καίπερ ἀλλήλων ἐς τοὐναντίον παρὰ πολὺ διαλλάσσοντας, οὔτε φύσεώς τινος οὔτε ἡλικίας φεισάμενον. εἴτε γὰρ χωρίων ἐνοικήσει εἴτε νόμῳ διαίτης, ἢ φύσεως τρόπῳ, ἢ ἐπιτηδεύμασιν, ἢ ἄλλῳ ὅτῳ ἀνθρώπων ἄνθρωποι διαφέρουσιν, ἐν ταύτῃ δὴ μόνῃ τῇ νόσῳ τὸ διαλλάσσον οὐδὲν ὤνησεν. ἐπέσκηψε δὲ τοῖς μὲν ὥρᾳ θέρους, τοῖς δὲ χειμῶνι, τοῖς δὲ κατὰ τοὺς ἄλλους καιρούς. λεγέτω μὲν οὖν ὥς πη ἕκαστος περὶ αὐτῶν γινώσκει καὶ σοφιστὴς καὶ μετεωρολόγος, ἐγὼ δὲ ὅθεν τε ἤρξατο ἡ νόσος ἥδε καὶ τρόπῳ δὴ ὅτῳ τοὺς ἀνθρώπους διέφθειρεν ἐρῶν ἔρχομαι. Ἤρξατο μὲν ἐξ Αἰγυπτίων οἳ ᾤκηνται ἐν Πηλουσίῳ. γενομένη δὲ δίχα πὴ μὲν ἐπί τε Ἀλεξανδρείας καὶ τῆς ἄλλης Αἰγύπτου ἐχώρησε, πὴ δὲ ἐπὶ Παλαιστίνους τοὺς Αἰγυπτίοις ὁμόρους ἦλθεν, ἐντεῦθέν τε κατέλαβε τὴν γῆν σύμπασαν, ὁδῷ τε ἀεὶ προϊοῦσα καὶ χρόνοις βαδίζουσα τοῖς καθήκουσιν. ἐπὶ ῥητοῖς γὰρ ἐδόκει χωρεῖν καὶ χρόνον τακτὸν ἐν χώρᾳ ἑκάστῃ διατριβὴν ἔχειν, ἐς οὐδένας μὲν ἀνθρώπων παρέργως τῷ φθόρῳ χρωμένη, σκεδαννυμένη δὲ ἐφ’ ἑκάτερα μέχρι ἐς τὰς τῆς οἰκουμένης ἐσχατιὰς, ὥσπερ δεδοικυῖα μή τις αὐτὴν τῆς γῆς διαλάθοι μυχός. οὔτε γὰρ νῆσόν τινα ἢ σπήλαιον ἢ ἀκρώρειαν ἐλίπετο ἀνθρώπους οἰκήτορας ἔχουσαν· ἢν δέ πού τινα καὶ παρήλασε χώραν, ἢ μὴ ψαύσασα τῶν ταύτῃ ἀνθρώπων ἢ ἀμωσγέπως αὐτῶν ἁψαμένη, ἀλλὰ χρόνῳ τῷ ὑστέρῳ αὖθις ἐνταῦθα ἐπανιοῦσα τῶν μὲν περιοίκων, οἷς δὴ πικρότατα ἐπέσκηψε πρότερον, οὐδαμῶς ἥψατο, τῆς δὲ χώρας ἐκείνης οὐ πρότερον ἀπέστη ἕως τὸ μέτρον ὀρθῶς καὶ δικαίως τῶν τετελευτηκότων ἀπέδωκεν, ὅπερ καὶ τοῖς ἀμφ’ αὐτὴν ᾠκημένοις χρόνῳ τῷ προτέρῳ διεφθάρθαι τετύχηκεν. ἀρξαμένη δὲ ἀεὶ ἐκ τῆς παραλίας ἡ νόσος ἥδε, οὕτω δὴ ἐς τὴν μεσόγειον ἀνέβαινε χώραν. δευτέρῳ δὲ ἔτει ἐς Βυζάντιον μεσοῦντος τοῦ ἦρος ἀφίκετο, ἔνθα καὶ ἐμοὶ ἐπιδημεῖν τηνικαῦτα ξυνέβη. ἐγίνετο δὲ ὧδε. φάσματα δαιμόνων πολλοῖς ἐς πᾶσαν ἀνθρώπου ἰδέαν ὤφθη, ὅσοι τε αὐτοῖς παραπίπτοιεν, παίεσθαι ᾤοντο πρὸς τοῦ ἐντυχόντος ἀνδρὸς, ὅπη παρατύχοι τοῦ σώματος, ἅμα τε τὸ φάσμα τοῦτο ἑώρων καὶ τῇ νόσῳ αὐτίκα ἡλίσκοντο. κατ’ ἀρχὰς μὲν οὖν οἱ παραπεπτωκότες ἀποτρέπεσθαι αὐτὰ ἐπειρῶντο, τῶν τε ὀνομάτων ἀποστοματίζοντες τὰ θειότατα καὶ τὰ ἄλλα ἐξοσιούμενοι, ὡς ἕκαστός πη ἐδύνατο, ἤνυον μέντοι τὸ παράπαν οὐδὲν, ἐπεὶ κἀν τοῖς ἱεροῖς οἱ πλεῖστοι καταφεύγοντες διεφθείροντο. ὕστερον δὲ οὐδὲ τοῖς φίλοις καλοῦσιν ἐπακούειν ἠξίουν, ἀλλὰ καθείρξαντες αὑτοὺς ἐν τοῖς δωματίοις, ὅτι δὴ οὐκ ἐπαΐοιεν προσεποιοῦντο, καίπερ ἀρασσομένων αὐτοῖς τῶν θυρῶν, δειμαίνοντες δηλονότι μὴ δαιμόνων τις ὁ καλῶν εἴη. τισὶ δὲ οὐχ οὕτως ὁ λοιμὸς ἐπεγίνετο, ἀλλ’ ὄψιν ὀνείρου ἰδόντες ταὐτὸ τοῦτο πρὸς τοῦ ἐπιστάντος πάσχειν ἐδόκουν, ἢ λόγου ἀκούειν προλέγοντος σφίσιν ὅτι δὴ ἐς τῶν τεθνηξομένων τὸν ἀριθμὸν ἀνάγραπτοι εἶεν. τοῖς δὲ πλείστοις οὔτε ὕπαρ οὔτε ὄναρ αἰσθομένοις τοῦ ἐσομένου εἶτα τῇ νόσῳ ξυνέβη ἁλῶναι. ἡλίσκοντο δὲ τρόπῳ τοιῷδε. ἐπύρεσσον ἄφνω, οἱ μὲν ἐξ ὕπνου ἐγηγερμένοι, οἱ δὲ περιπάτους ποιούμενοι, οἱ δὲ ἄλλο ὅ τι δὴ πράσσοντες. καὶ τὸ μὲν σῶμα οὔτε τι διήλλασσε τῆς προτέρας χροιᾶς οὔτε θερμὸν ἦν, ἅτε πυρετοῦ ἐπιπεσόντος, οὐ μὴν οὐδὲ φλόγωσις ἐπεγίνετο, ἀλλ’ οὕτως ἀβληχρός τις ἐξ ἀρχῆς τε καὶ ἄχρις ἑσπέρας ὁ πυρετὸς ἦν ὥστε μήτε τοῖς νοσοῦσιν αὐτοῖς μήτε ἰατρῷ ἁπτομένῳ δόκησιν κινδύνου παρέχεσθαι. οὐ γὰρ οὖν οὐδέ τις τελευτᾶν τῶν περιπεπτωκότων ἀπ’ αὐτοῦ ἔδοξεν. ἡμέρᾳ δὲ τοῖς μὲν τῇ αὐτῇ, τοῖς δὲ τῇ ἐπιγενομένῃ, ἑτέροις δὲ οὐ πολλαῖς ὕστερον βουβὼν ἐπῆρτο, οὐκ ἐνταῦθα μόνον, ἔνθα καὶ τὸ τοῦ σώματος μόριον, ὃ δὴ τοῦ ἤτρου ἔνερθέν ἐστι, βουβὼν κέκληται, ἀλλὰ καὶ τῆς μάλης ἐντὸς, ἐνίοις δὲ καὶ παρὰ τὰ ὦτα καὶ ὅπου ποτὲ τῶν μηρῶν ἔτυχε. Τὰ μὲν οὖν ἄχρι τοῦδε πᾶσιν ὁμοίως σχεδόν τι τοῖς τῇ νόσῳ ἁλισκομένοις ξυνέβαινε· τὰ δὲ ἐνθένδε οὐκ ἔχω εἰπεῖν πότερον ἐν τῷ διαλλάσσοντι τῶν σωμάτων καὶ ἡ διαφορὰ τῶν ξυμπιπτόντων ἐγίνετο, ἢ ὅπη ποτὲ βουλομένῳ εἴη τῷ τὴν νόσον ἐπαγαγόντι. ἐπεγίνετο γὰρ τοῖς μὲν κῶμα βαθὺ, τοῖς δὲ παραφροσύνη ὀξεῖα, ἑκάτεροί τε τὰ πρὸς τὴν νόσον ἐπιτηδείως ἔχοντα ἔπασχον· οἷς μὲν γὰρ τὸ κῶμα ἐπέκειτο, πάντων ἐπιλελησμένοι τῶν εἰωθότων σφίσιν ἐς ἀεὶ καθεύδειν ἐδόκουν. καὶ εἰ μέν τις αὐτῶν ἐπιμελοῖτο, μεταξὺ ἤσθιον, τινὲς δὲ καὶ ἀπημελημένοι ἀπορίᾳ τροφῆς εὐθὺς ἔθνησκον. οἱ μέντοι τῷ τῆς παραφροσύνης ἁλόντες κακῷ ἀγρυπνίᾳ τε καὶ φαντασίᾳ πολλῇ εἴχοντο, καί τινας ὑποπτεύοντες ἐπιέναι σφίσιν ὡς δὴ ἀπολοῦντας ἐς ταραχήν τε καθίσταντο καὶ ἀναβοῶντες ἐξαίσιον οἷον ἐς φυγὴν ὥρμηντο. οἵ τε αὐτοὺς θεραπεύοντες καμάτῳ ἀπαύστῳ ἐχόμενοι τὰ ἀνήκεστα ἐς ἀεὶ ἔπασχον. διὸ δὴ ἅπαντες αὐτοὺς οὐχ ἧσσον ἢ τοὺς πονουμένους ᾠκτίζοντο, οὐχ ὅτι τῷ λοιμῷ ἐπιέζοντο ἐκ τοῦ προσιέναι (οὔτε γὰρ ἰατρῷ οὔτε ἰδιώτῃ μεταλαχεῖν τοῦ κακοῦ τοῦδε τῶν νοσούντων ἢ τῶν τετελευτηκότων ἁπτομένῳ ξυνέβη, ἐπεὶ πολλοὶ μὲν ἀεὶ καὶ τοὺς οὐδὲν σφίσι προσήκοντας ἢ θάπτοντες ἢ θεραπεύοντες ταύτῃ δὴ τῇ ὑπουργίᾳ παρὰ δόξαν ἀντεῖχον, πολλοὶ δὲ τῆς νόσου ἀπροφασίστως αὐτοῖς ἐπιπεσούσης εὐθὺς ἔθνησκον), ἀλλ’ ὅτι ταλαιπωρίᾳ πολλῇ εἴχοντο. ἔκ τε γὰρ τῶν στρωμάτων ἐκπίπτοντας καὶ καλινδουμένους ἐς τὸ ἔδαφος ἀντικαθίστων αὖθις καὶ ῥιπτεῖν σφᾶς αὐτοὺς ἐκ τῶν οἰκημάτων ἐφιεμένους ὠθοῦντές τε καὶ ἀνθέλκοντες ἐβιάζοντο. ὕδωρ τε οἷς παρατύχοι, ἐμπεσεῖν ἤθελον οὐ δὴ οὐχ ὅσον τοῦ ποτοῦ ἐπιθυμίᾳ (ἐς γὰρ θάλασσαν οἱ πολλοὶ ὥρμηντο), ἀλλ’ αἴτιον ἦν μάλιστα ἡ τῶν φρενῶν νόσος. πολὺς δὲ αὐτοῖς καὶ περὶ τὰς βρώσεις ἐγένετο πόνος. οὐ γὰρ εὐπετῶς προσίεντο ταύτας. πολλοί τε ἀπορίᾳ τοῦ θεραπεύοντος διεφθάρησαν, ἢ λιμῷ πιεζόμενοι, ἢ ἀφ’ ὑψηλοῦ καθιέντες τὸ σῶμα. ὅσοις δὲ οὔτε κῶμα οὔτε παραφροσύνη ἐνέπεσε, τούτοις δὴ ὅ τε βουβὼν ἐσφακέλιζε καὶ αὐτοὶ ταῖς ὀδύναις οὐκέτι ἀντέχοντες ἔθνησκον. τεκμηριώσειε δ’ ἄν τις καὶ τοῖς ἄλλοις ἅπασι κατὰ ταὐτὰ ξυμβῆναι, ἀλλ’ ἐπεὶ ἐν αὑτοῖς ὡς ἥκιστα ἦσαν, ξυνεῖναι τῆς ὀδύνης οὐδαμῆ εἶχον, τοῦ πάθους αὐτοῖς τοῦ ἀμφὶ τὰς φρένας παραιρουμένου τὴν αἴσθησιν. Ἀπορούμενοι γοῦν τῶν τινες ἰατρῶν τῇ τῶν ξυμπιπτόντων ἀγνοίᾳ τό τε τῆς νόσου κεφάλαιον ἐν τοῖς βουβῶσιν ἀποκεκρίσθαι οἰόμενοι, διερευνᾶσθαι τῶν τετελευτηκότων τὰ σώματα ἔγνωσαν. καὶ διελόντες τῶν βουβώνων τινὰς ἄνθρακος δεινόν τι χρῆμα ἐμπεφυκὸς εὗρον. ἔθνησκον δὲ οἱ μὲν αὐτίκα, οἱ δὲ ἡμέραις πολλαῖς ὕστερον, τισί τε φλυκταίναις μελαίναις, ὅσον φακοῦ μέγεθος, ἐξήνθει τὸ σῶμα, οἳ οὐδὲ μίαν ἐπεβίων ἡμέραν, ἀλλ’ εὐθυωρὸν ἅπαντες ἔθνησκον. πολλοὺς δὲ καί τις αὐτόματος αἵματος ἐπιγινόμενος ἔμετος εὐθὺς διεχρήσατο. ἐκεῖνο μέντοι ἀποφήνασθαι ἔχω, ὡς τῶν ἰατρῶν οἱ δοκιμώτατοι πολλοὺς μὲν τεθνήξεσθαι προηγόρευον, οἳ δὴ κακῶν ἀπαθεῖς ὀλίγῳ ὕστερον παρὰ δόξαν ἐγίνοντο, πολλοὺς δὲ ὅτι σωθήσονται ἰσχυρίζοντο, οἳ δὴ διαφθαρήσεσθαι ἔμελλον αὐτίκα δὴ μάλα. οὕτως αἰτία τις ἦν οὐδεμία ἐν ταύτῃ τῇ νόσῳ ἐς ἀνθρώπου λογισμὸν φέρουσα· πᾶσι γάρ τις ἀλόγιστος ἀπόβασις ἐπὶ πλεῖστον ἐφέρετο, καὶ τὰ λουτρὰ τοὺς μὲν ὤνησε, τοὺς δὲ οὐδέν τι ἧσσον κατέβλαψεν. ἀμελούμενοί τε πολλοὶ ἔθνησκον, πολλοὶ δὲ παρὰ λόγον ἐσώζοντο. καὶ πάλιν αὖ τὰ τῆς θεραπείας ἐφ’ ἑκάτερα τοῖς χρωμένοις ἐχώρει, καὶ τὸ ξύμπαν εἰπεῖν οὐδεμία μηχανὴ ἀνθρώπῳ ἐς τὴν σωτηρίαν ἐξεύρητο, οὔτε προφυλαξαμένῳ μὴ πεπονθέναι οὔτε τοῦ κακοῦ ἐπιπεσόντος περιγενέσθαι, ἀλλὰ καὶ τὸ παθεῖν ἀπροφάσιστον ἦν καὶ τὸ περιεῖναι αὐτόματον. καὶ γυναιξὶ δὲ ὅσαι ἐκύουν προὖπτος ἐγίνετο τῇ νόσῳ ἁλισκομέναις ὁ θάνατος. αἱ μὲν γὰρ ἀμβλίσκουσαι ἔθνησκον, αἱ δὲ τίκτουσαι ξὺν αὐτοῖς εὐθὺς τοῖς τικτομένοις ἐφθείροντο. τρεῖς μέντοι λεχοῦς λέγουσι τῶν παίδων σφίσιν ἀπολομένων περιγενέσθαι, καὶ μιᾶς ἤδη ἐν τῷ τοκετῷ ἀποθανούσης τετέχθαι τε καὶ περιεῖναι τῷ παιδίῳ ξυμβῆναι. ὅσοις μὲν οὖν μείζων τε ὁ βουβὼν ᾔρετο καὶ ἐς πῦον ἀφῖκτο, τούτοις δὴ περιεῖναι τῆς νόσου ἀπαλλασσομένοις ξυνέβαινεν, ἐπεὶ δῆλον ὅτι αὐτοῖς ἡ ἀκμὴ ἐς τοῦτο ἐλελωφήκει τοῦ ἄνθρακος, γνώρισμά τε τῆς ὑγείας τοῦτο ἐκ τοῦ ἐπὶ πλεῖστον ἐγίνετο· οἷς δὲ ὁ βουβὼν ἐπὶ τῆς προτέρας ἰδέας διέμεινε, τούτοις περιειστήκει τὰ κακὰ ὧν ἄρτι ἐμνήσθην. τισὶ δὲ αὐτῶν καὶ τὸν μηρὸν ἀποξηρανθῆναι ξυνέβη, ἐφ’ οὗ ὁ βουβὼν ἐπαρθεὶς ὡς ἥκιστα ἔμπυος γέγονεν. ἄλλοις τε οὐκ ἐπ’ ἀκεραίῳ τῇ γλώσσῃ περιγενέσθαι τετύχηκεν, ἀλλ’ ἢ τραυλίζουσιν, ἢ μόλις τε καὶ ἄσημα φθεγγομένοις βιῶναι.

P r o c o p i o  d i  C e s a r e a

Descrizione della peste di Giustiniano

In questi tempi ci fu una pestilenza, in seguito alla quale poco mancò che tutta l’umanità scomparisse. A tutti quelli dunque che incolpano il cielo, forse potrebbe essere spiegata da parte di uomini audaci la ragione della causa. Coloro che sono pratici di queste cose amano spacciare frottole riguardo alle cause, che in nessuna parte sono comprensibili all’uomo, e oltrepassare i confini naturali, ben sapendo che dicono niente di sano, ma che basta loro contentarsi, qualora riescano a persuadere con l’inganno qualcuno dei lettori. Non c’è certamente nessun modo o di dire a parole o di calcolare col pensiero quale sia la causa di questo male, eccetto che farlo risalire a Dio. Non infatti si manifestò in una parte della terra né ad alcuni uomini né scelse una stagione dell’anno, da cui si potesse risalire a cause probabili, ma abbracciò tutta la terra, colpì la vita di tutti gli uomini, sebbene tra loro molto differenti, non risparmiando né il sesso né l’età. Infatti se pure gli uomini differiscono dagli uomini per provenienza e per modo di vivere o per ordine della natura o per professione o per qualunque altra cosa, stante questa malattia, per niente giovò la differenza. Ad alcuni piombò addosso d’estate, ad altri d’inverno, ad altri ancora in altre stagioni. Parli dunque ciascuno su queste cose in base a quello che sa, sia il sofista sia il meteorologo; io mi accingo a dire da dove questa malattia cominciò e in quale modo uccise i mortali. Cominciò dagli Egiziani che abitano a Pelusio e da qui, sdoppiatasi, invase Alessandria e il resto dell’Egitto; di là si diffuse in Palestina confinante con l’Egitto. Di qui invase tutta quanta la terra, sempre avanzando con metodo e camminando a tempi fissati. Sembrava infatti ritirarsi sotto certe condizioni e procrastinare il tempo fissato in ciascuna regione, di passaggio facendo del male verso nessuno degli uomini e diffondendosi da ambedue le parti fino a quelle estreme della terra abitata, quasi temendo che qualche recesso della terra lo occultasse. Né infatti risparmiò alcuna isola, né spelonca, né cima di monte abitate da persone. Qualora avesse oltrepassato qualche luogo, o non avendo toccato i suoi abitanti o in un modo qualunque toccatili, ritornando qui successivamente, in nessun modo colpì i vicini, che prima toccò molto duramente; da quel luogo non si allontanò prima che colmasse rettamente e giustamente la misura dei morti, come tempo prima per sorte aveva fatto perire quelli che vi abitavano intorno. Cominciando dalla costa marittima la malattia ormai avanzava verso la regione del Mediterraneo. Nel secondo anno a metà primavera giunse a Bisanzio, dove anche a me in tal momento capitò di essere presente. Avvenne così. A molti apparvero visioni di spiriti in ogni forma umana. Quanti s’imbattevano in essi, si credeva che urtassero contro il primo incontrato; secondo che s’imbatteva in una parte del corpo; appena vedevano questo spettro, subito venivano colpiti dal male. All’inizio dunque quelli che vi s’imbattevano cercavano di respingerli implorando le divinità più note e le altre allontanandole con una espiazione, come ciascuno poteva; non venivano però a capo di nulla, poiché i più, anche rifugiandosi nei templi, morivano; né volevano dare ascolto agli amici che chiamavano, ma rinchiusi nelle proprie camere, fingevano di non sentirli, sebbene bussassero alle loro porte, temendo che chi chiamava fosse uno degli spiriti. Ad alcuni la peste non sopraggiungeva così, ma dopo aver avuto una visione in sogno, sembrava che soffrissero davanti a chi si poneva davanti o udissero una voce che preannunciava che erano stati iscritti nel numero dei morti. A molti poi che non avevano percepito né in realtà né in sogno ciò che sarebbe accaduto, avvenne che furono colpiti dal morbo. Venivano colti in questo modo: all’improvviso avevano febbre, alcuni al risveglio, altri andando a passeggio, altri ancora facendo qualcos’altro. E il corpo né cambiava qualcosa del precedente colore né era caldo, in quanto che, sopraggiunta la febbre, non ne conseguiva alcuna infiammazione, ma dal mattino fino alla sera la febbre era così debole, che né ai malati né al medico che visitava appariva avvisaglia di pericolo. Nessuno infatti di quelli che erano incappati nella malattia sembrava che sarebbe morto a causa della stessa. Ad alcuni nello stesso giorno, ad altri in quello successivo, ad altri non molti giorni dopo spuntava un bubbone, non solo là, dove è il membro del corpo, che è nel basso ventre, chiamato bubbone, ma anche nel mezzo dell’ascella, ad alcuni anche dietro le orecchie e in qualunque parte delle cosce. Queste cose dunque fin qui accadevano quasi in eguale misura a tutti quelli che erano colpiti dal morbo. Per il resto non sono in grado di dire se la diversità dipendesse dalla differenza dei corpi e degli eventi, o comunque sia dalla volontà di chi contraeva la malattia. Sopraggiungeva infatti ad alcuni un coma profondo, ad altri un’acuta demenza; entrambi soffrivano conformemente alla malattia. Coloro infatti che giacevano in coma sembravano dormire sempre dimentichi di tutto ciò che era loro consueto. E se qualcuno si prendeva cura di loro, mentre mangiavano, alcuni trascurati morivano subito per mancanza di cibo. Coloro inoltre che erano presi dal male della demenza erano in preda a insonnia e a molte visioni. E sospettando che alcuni si avvicinassero a loro come destinati alla morte, si turbavano e gridando in maniera eccessiva si davano alla fuga. Quelli che erano al loro servizio, provati dalla fatica continua, erano  irreparabilmente rovinati. Perciò tutti avevano compassione non meno di quelli che di coloro che se ne occupavano, non perché  col contagio erano oppressi dall’avvicinarsi (né infatti a un medico né a un inesperto capitò col contatto di prendere in sorte il male dei malati e di chi era morto, dopo che da una parte molti o seppellendo o curando coloro che non erano loro parenti resistevano inaspettatamente a questa cura medica, mentre molti morivano subito essendo la malattia piombata loro addosso, implacabilmente), ma perché erano provati da eccessiva fatica. Infatti quelli che cadevano dai giacigli si voltolavano sul pavimento e li riponevano e quelli che volevano precipitarsi giù dai tetti li trattenevano respingendoli e tirandoli a sé. Coloro che s’imbattevano nell’acqua volevano immergersi in essa non tanto per il desiderio di bere (molti infatti bramavano il mare); ma una causa era soprattutto la malattia dell’anima. Molto fu  per loro anche lo sforzo faticoso per i pasti, non infatti facilmente vi si avvicinavano. Molti morivano per mancanza di assistenza o travagliati dalla fame o per volontaria caduta dall’alto.  Quanti non caddero né nel coma né nella demenza, a questi si seccava il bubbone ed essi non sopportando i dolori morivano. Qualcuno potrebbe dare prova che lo stesso capitò a tutti gli altri, ma poiché erano il meno possibile in sé, non avevano niente in comune col dolore, avendo la sofferenza tolto la percezione riguardo al senno.  Alcuni medici, però, essendo in difficoltà per l’ignoranza delle cose che accadevano, credendo che il punto principale della malattia avesse la risposta nei bubboni, decisero di esplorare i corpi dei morti. E avendo sezionato alcuni bubboni, trovarono che si era ingenerato qualcosa di terribile: gli uni morivano subito, gli altri dopo molti giorni. Ad alcuni il corpo fioriva di pustole della grandezza di una lenticchia, il quali neppure un giorno vivevano, ma morivano tutti immediatamente. Subito un vomito di sangue sopraggiunto spontaneo uccise molti. Ciò certamente posso dichiarare che i più illustri tra i medici predissero che sarebbero morti molti che al contrario poco dopo furono immuni da malattie, e che sarebbero stati in buona salute molti che immediatamente dovevano morire. Così non c’era alcuna causa in questa malattia che portasse ad umano intendimento. A tutti infatti si presentava un risultato di gran lunga illogico e mentre per alcuni erano di giovamento i bagni, per altri nulla di meno era d’impedimento. Molti, trascurati, morivano, mentre molti contro le aspettative si salvavano; e di nuovo la cura a quelli che ne avevano bisogno cedeva ora in una maniera ora nell’altra. In una parola nessun espediente si trovò per salvare l’uomo, né a chi si era premunito di non morire né di scampare al male piombato addosso. Ma il soffrire era implacabile e il sopravvivere un caso. Anche alle donne che erano incinte, prese dal morbo, fu manifesta la morte. Alcune infatti morivano abortendo, altre partorendo con gli stessi (figli) dati alla luce venivano subito a mancare. Dicono pure che tre puerpere sopravvissero, pur avendo perso i loro figli ed essendo una morta nel parto, partorì un bambino vivo. A quanti dunque maggiore cresceva il bubbone e si sviluppava in pus, a questi scampati alla malattia capitava di sopravvivere, poiché era chiaro che la fase acuta del carbonchio era cessata a tal punto, che questo era il segno mancante della salute. Ma a quelli a cui il bubbone rimaneva sotto il primo aspetto, i mali che già furono ricordati stavano loro attorno. Ad alcuni di loro capitò che la coscia si dissecò, per cui il bubbone levatosi su fu il meno possibile ulceroso. Ad altri capitò di sopravvivere con la lingua non integra, ma o balbettando o di vivere emettendo a stento parole incomprensibili.

(trad. p. pischedda: marzo 2020)

PESTIS TEMPORIBUS di Pietrino Pischedda

Posted on mar 13 in: Senza categoria - No Comments »

Corsi e ricorsi della storia

Pestis temporibus

La storia si ripete con eventi ora gioiosi ora tristi. Fa parte della vita dell’uomo, dai primordi fino ai tempi avvenire, sperimentare, suo malgrado, calamità di ogni genere.

Il passo qui di seguito riportato si riferisce alla peste di Atene avvenuta nel 430 a. C.

I dettagli del racconto sono evidentemente impressionanti.

Τὸ μὲν γὰρ ἔτος, ὡς ὡμολογεῖτο, ἐκ πάντων μάλιστα δὴ ἐκεῖνο ἄνοσον ἐς τὰς ἄλλας ἀσθενείας ἐτύγχανεν ὄν· εἰ δέ τις καὶ προύκαμνέ τι, ἐς τοῦτο πάντα ἀπεκρίθη. τοὺς δὲ ἄλλους ἀπ’ οὐδεμιᾶς προφάσεως, ἀλλ’ ἐξαίφνης ὑγιεῖς ὄντας πρῶτον μὲν τῆς κεφαλῆς θέρμαι ἰσχυραὶ καὶ τῶν ὀφθαλμῶν ἐρυθήματα καὶ φλόγωσις ἐλάμβανε, καὶ τὰ ἐντός, ἥ τε φάρυγξ καὶ ἡ γλῶσσα, εὐθὺς αἱματώδη ἦν καὶ πνεῦμα ἄτοπον καὶ δυσῶδες ἠφίει· ἔπειτα ἐξ αὐτῶν πταρμὸς καὶ βράγχος ἐπεγίγνετο, καὶ ἐν οὐ πολλῷ χρόνῳ κατέβαινεν ἐς τὰ στήθη ὁ πόνος μετὰ βηχὸς ἰσχυροῦ· καὶ ὁπότε ἐς τὴν καρδίαν στηρίξειεν, ἀνέστρεφέ τε αὐτὴν καὶ ἀποκαθάρσεις χολῆς πᾶσαι ὅσαι ὑπὸ ἰατρῶν ὠνομασμέναι εἰσὶν ἐπῇσαν, καὶ αὗται μετὰ ταλαιπωρίας μεγάλης. λύγξ τε τοῖς πλέοσιν ἐνέπι μὲν μετὰ ταῦτα λωφήσαντα, τοῖς δὲ καὶ πολλῷ ὕστερον. καὶ τὸ μὲν ἔξωθεν ἁπτομένῳ σῶμα οὔτ’ ἄγαν θερμὸν ἦν οὔτε χλωρόν, ἀλλ’ ὑπέρυθρον, πελιτνόν, φλυκταίναις μικραῖς καὶ ἕλκεσιν ἐξηνθηκός· τὰ δὲ ἐντὸς οὕτως ἐκάετο ὥστε μήτε τῶν πάνυ λεπτῶν ἱματίων καὶ σινδόνων τὰς ἐπιβολὰς μηδ’ ἄλλο τι ἢ γυμνοὶ ἀνέχεσθαι, ἥδιστά τε ἂν ἐς ὕδωρ ψυχρὸν σφᾶς αὐτοὺς ῥίπτειν. καὶ πολλοὶ τοῦτο τῶν ἠμελημένων ἀνθρώπων καὶ ἔδρασαν ἐς φρέατα, τῇ δίψῃ ἀπαύστῳ ξυνεχόμενοι· καὶ ἐν τῷ ὁμοίῳ καθειστήκει τό τε πλέον καὶ ἔλασσον ποτόν. καὶ ἡ ἀπορία τοῦ μὴ ἡσυχάζειν καὶ ἡ ἀγρυπνία ἐπέκειτο διὰ παντός. καὶ τὸ σῶμα, ὅσονπερ χρόνον καὶ ἡ νόσος ἀκμάζοι, οὐκ ἐμαραίνετο, ἀλλ’ ἀντεῖχε παρὰ δόξαν τῇ ταλαιπωρίᾳ, ὥστε ἢ διεφθείροντο οἱ πλεῖστοι ἐναταῖοι καὶ ἑβδομαῖοι ὑπὸ τοῦ ἐντὸς καύματος, ἔτι ἔχοντές τι δυνάμεως, ἢ εἰ διαφύγοιεν, ἐπικατιόντος τοῦ νοσήματος ἐς τὴν κοιλίαν καὶ ἑλκώσεώς τε αὐτῇ ἰσχυρᾶς ἐγγιγνομένης καὶ διαρροίας ἅμα ἀκράτου ἐπιπιπτούσης οἱ πολλοὶ ὕστερον δι’ αὐτὴν ἀσθενείᾳ διεφθείροντο. διεξῄει γὰρ διὰ παντὸς τοῦ σώματος ἄνωθεν ἀρξάμενον τὸ ἐν τῇ κεφαλῇ πρῶτον ἱδρυθὲν κακόν, καὶ εἴ τις ἐκ τῶν μεγίστων περιγένοιτο, τῶν γε ἀκρωτηρίων ἀντίληψις αὐτοῦ ἐπεσήμαινεν. κατέσκηπτε γὰρ ἐς αἰδοῖα καὶ ἐς ἄκρας χεῖρας καὶ πόδας, καὶ πολλοὶ στερισκόμενοι τούτων διέφευγον, εἰσὶ δ’ οἳ καὶ τῶν ὀφθαλμῶν. τοὺς δὲ καὶ λήθη ἐλάμβανε παραυτίκα ἀναστάντας τῶν πάντων ὁμοίως, καὶ ἠγνόησαν σφᾶς τε αὐτοὺς καὶ τοὺς ἐπιτηδείους. γενόμενον γὰρ κρεῖσσον λόγου τὸ εἶδος τῆς νόσου τά τε ἄλλα χαλεπωτέρως ἢ κατὰ τὴν ἀνθρωπείαν φύσιν προσέπιπτεν ἑκάστῳ καὶ ἐν τῷδε ἐδήλωσε μάλιστα ἄλλο τι ὂν ἢ τῶν ξυντρόφων τι· τὰ γὰρ ὄρνεα καὶ τετράποδα ὅσα ἀνθρώπων ἅπτεται, πολλῶν ἀτάφων γιγνομένων ἢ οὐ προσῄει ἢ γευσάμενα διεφθείρετο. τεκμήριον δέ· τῶν μὲν τοιούτων ὀρνίθων ἐπίλειψις σαφὴς ἐγένετο, καὶ οὐχ ἑωρῶντο οὔτε ἄλλως οὔτε περὶ τοιοῦτον οὐδέν· οἱ δὲ κύνες μᾶλλον αἴσθησιν παρεῖχον τοῦ ἀποβαίνοντος διὰ τὸ ξυνδιαιτᾶσθαι. (Tuc. 2, 49 – 50)

Quell’anno infatti, come si conveniva, capitava che fosse tra tutti particolarmente esente da infermità rispetto alle altre malattie. Se però qualcuno era malato anzi tempo per qualcosa, tutte le malattie si risolvevano in questo. Gli altri invece, senza nessuna ragione, repentinamente da sani che erano venivano dapprima presi da forte febbre e da infiammazione agli occhi; le parti interne del corpo, la faringe e la lingua, subito erano sanguinolente ed esalavano un alito disgustoso e puzzolente; ne conseguivano poi starnuto e raucedine e in breve tempo il male calava al petto con forte tosse; e quando si collocava nello stomaco, lo sconvolgeva e sopravvenivano secrezioni di bile, tutte quelle menzionate dai medici, per giunta con grande tribolazione. Alla maggior parte sopraggiungeva un singhiozzo vuoto che procurava un forte spasmo, che ad alcuni dopo ciò cessava, ad altri invece molto dopo. E il corpo dal di fuori per chi lo toccava non era né troppo caldo né pallido, ma rossastro, livido, fiorito di piccole pustole e piaghe; l’interno del corpo invece così ardeva che non sopportavano né l’avere addosso vestiti molto leggeri e lenzuola né altro che essere nudi e avrebbero preferito gettarsi nell’acqua fredda. E molti degli uomini abbandonati fecero ciò nei pozzi, oppressi dalla sete incessante; e nella stessa maniera si stabiliva la bevanda in maggiore e minore quantità. E l’impossibilità di riposare e l’insonnia incalzavano continuamente. E il corpo, per quanto tempo anche la malattia era nel pieno, non dimagriva, ma reggeva alla pena contro ogni aspettativa, cosicché la maggior parte periva al nono e al settimo giorno a causa della febbre, quando ancora avevano un po’ di forza, oppure se l’avevano scampata, quando la malattia interessava il ventre e in quello sopraggiungeva una forte ulcerazione e allo stesso tempo incoglieva una eccessiva diarrea, la maggior parte in seguito moriva a causa di quella debolezza. Passava infatti attraverso tutto il corpo il male che a partire dall’alto risiedeva prima nella testa, e se qualcuno fosse sopravvissuto alle più grandi calamità, lo contrassegnava poi la malattia delle estremità del corpo. Attaccava infatti le “pudenda” e le parti estreme delle mani e dei piedi e molti sfuggivano privati di questi organi, ed alcuni anche degli occhi. Alcuni, appena sollevati, erano presi anche dalla dimenticanza di tutte le cose in egual modo, e non riconobbero se stessi e i familiari. L’aspetto delle malattie infatti, impossibile a dire, assaliva tra l’altro ciascuno con maggiore violenza che secondo l’umana natura e in ciò dimostrò di essere particolarmente qualcos’altro rispetto a qualcuno dei mali ordinari. Infatti gli uccelli e i quadrupedi, quanti mangiano la carne del cadavere umano, pur essendoci molti insepolti, o non si avvicinavano o, assaggiatili, morivano. Una prova fu l’evidente assenza di siffatti uccelli e non si vedevano né altrove né presso niente di tal fatta; i cani invece avevano la percezione di ciò che accadeva per via della coabitazione. (trad. pischedda)

RIFLESSIONE di Pietrino Pischedda

Posted on feb 22 in: Senza categoria - No Comments »

RIFLESSIONE di Pietrino Pischedda

Mi viene il pensiero che esista l’homo absconditus, non in senso negativo ma positivo, in quanto costui, prima di relazionarsi con gli altri, si relaziona con se stesso, con la sua interiorità, con la sua sincerità, con la sua vita privata, con la sua dimensione spirituale talmente insondabile che nessuno al mondo può scandagliare. L’uomo di oggi deve sentire il bisogno di appartarsi dal frastuono della città, dal parlare inconcludente dell’homo politicus, dal blaterare dell’uomo di strada che crede di essere homo sapiens, quando invece, ignorantemente, è homo ignorans. Il nascondersi nella propria privacy non deve necessariamente costituire una sorta di antemurale di difesa dall’altro, considerando l’altro come nemico da evitare sempre e dovunque. La occultatio sui, il velamento di se stesso, si commisura, paradossalmente e positivamente, con la libertà dell’altro, il quale, a sua volta, può determinarsi a far tesoro della ricchezza della propria interiorità per poi metterla a frutto nella communio con i suoi simili, a partire dalla comunità con cui quotidianamente si confronta. Il rinchiudersi in se stessi apparentemente sembrerebbe un depauperamento della propria persona e della propria personalità; in realtà, invece, è un consolidamento del proprio Ego interiore, sfrondato degli orpelli esteriori che caratterizzano l’homo vanus di tutti i giorni. È quanto mai espressiva, significativa e vera l’affermazione agostiniana che può riassumere questa mia riflessione odierna: “Noli foras ire, in te ipsum redi, in interiore homine habitat veritas.” Posso io avere l’ardire di asseverare di possedere la verità? Posso io essere vero, credibile, giusto, ecc.? È una domanda a cui deve seguire una risposta: risposta che scaturisce dalla profondità della nostra vita spirituale fondata su verità da prendere in maniera assoluta.

Pietrino Pischedda

Roma 22 febbraio 2020

ANNO 2019: di Pietrino Pischedda

Posted on dic 31 in: Senza categoria - No Comments »

ANNO 2019 : di Pietrino Pischedda

La carità delle noci, di manzoniana memoria, rappresenta un po’ la situazione di povertà dell’oggi, che, a dispetto delle apparenze, è una realtà concreta. I cosiddetti ricchi, e ce ne sono in abbondanza, vengono di gran lunga superati da una massa di poveri da vera paura. Si moltiplicano le opere benefiche a favore dei senza tetto, ma sembrano non bastare.
Ogni anno che termina riporta un consuntivo disastroso in fatto di assistenza. Ci vorrebbe un miracolo, ma il miracolo spetta a noi farlo!
È triste sentire che ancora muoiono per strada dei poveri a causa del freddo! Una manciata di noci (tradotto, una manciata di carità) ad opera di pochi, anche questi poveri, non può sopperire ai bisogni di milioni di bocche che aspettano il necessario per vivere dignitosamente.
La macchina dello Stato gira sempre male, non fermandosi o soffermandosi per strada a soccorrere il malcapitato. Non è sufficiente la carità operosa di Francesco per lenire i disagi di un popolo sempre più in difficoltà economica.
Sant’Egidio con la numerosa schiera di volontari è senz’altro encomiabile, ma non basta!
Parlo di Roma, perché vivo a Roma. Se si estende il campo di azione e si getta lo sguardo oltre, sappiamo, senza far finta di non saperlo, che l’anno che si chiude registra una catastrofe in termini umanitari.
L’accoglienza del prossimo non va boicottata o derisa, ma sostenuta ed estesa a largo raggio, pena il degrado sociale in continua crescita.
Tutti ci auguriamo che l’anno nuovo sia migliore. Io non sono un indovino e tanto meno un profeta. Magari fossi un profeta, molto più credibile dell’indovino che mai indovina e che pratica l’arte mantica a volte per sbarcare il lunario!
Tutti insieme proviamo a rendere più credibile e dignitosa la comunità di cui facciamo parte!
Buon anno in tutta sincerità!
Pietrino Pischedda
Roma 31 dicembre 2019

IL GRANDE CORO DI ROMA IN CONCERTO A RAVELLO: di Pietrino Pischedda

Posted on dic 16 in: Senza categoria - No Comments »

IL GRANDE CORO DI ROMA IN CONCERTO A RAVELLO

RAVELLO: città stupenda, di cui si possono dire tante cose, che si compendiano nell’unica parola che si chiama Bellezza! Pare che prima il Creatore e poi la mano dell’uomo abbiano composto questo presepe che corona lo specchio di mare dove ci si può tranquillamente specchiare senza che l’identità personale venga distorta o sfigurata. Le luminarie di questo periodo natalizio rendono ancor più suggestiva l’immagine di questo Comune della Costiera Amalfitana, ma non sarebbero neppure necessarie, perché di per sé il tessuto urbano è talmente ben composito che non avrebbe bisogno di ritocchi di nessun genere.

Perché, però, parlo di Ravello?

Una Comitiva straordinaria si è spostata dalla Capitale per raggiungere in pullman Ravello percorrendo strade tortuose mozzafiato per i panorami indescrivibili sottostanti.

Un’allegra Compagnia, dotata di buone voci, capitanata dal noto e ottimo M° Fabrizio Adriano Neri. L’illustre Ensemble, con altre due persone di rilievo: la Mezzosoprano statunitense Amalia Dustim e il Pianista Andrea Calvani.

Non si è trattato di una gita semplicemente turistica (magari c’è stato pure questo aspetto), ma di un impegno musicale di tutto rispetto nell’Auditorium prestigioso della città.

Alle 18:00 di sabato 14 dicembre 2019 il Grande Coro di Roma, di cui da alcuni anni faccio parte, si è esibito in concerto regalando alla comunità di Ravello un numero cospicuo di brani musicalmente e artisticamente importanti.

Ravello rimarrà un dolce ricordo di paesaggi rasserenanti che fanno bene all’anima.

Una due giorni all’insegna della Musica che conta e che ti fa essere sereno dentro.

Pietrino Pischedda

Roma 16 dicembre 2019

-2:41

M a t t i n a t a: una vacanza con i fiocchi!

Posted on set 02 in: Senza categoria - No Comments »

HOTEL LA ROTONDA -MATTINATA (FG)

Dal sorgere del Sole al sorgere della Luna

di

Pietrino Pischedda

Esistono le beatitudini anche sulla Terra per chi sa coniugare Cielo Terra Mare ed è capace di contemplare ogni elemento che la Natura ci offre.


Ieri mattina mi son dato la sveglia ben presto e alle 6.00 ero già sulla terrazza dell’hotel prospiciente il mare, in attesa che spuntasse dalle onde, tra i primi bagliori dell’alba, la immensa palla di fuoco che ci illumina e riscalda durante il giorno. Quanto ho visto è inenarrabile, perché meraviglioso è il prodigio che si ripete quotidianamente e si rivela datore di bene per tutto il creato.

Che dire di questa realtà, unica al mondo, che oltre all’hotel, le cui stanze, seppur un po’ spartane, si presentano decorose e dotate dei servizi necessari, offre la bellezza di una enorme propaggine che va ad affacciarsi direttamente sul mare, dando l’impressione di trovarsi su una nave da crociera, nella quale il personale si contraddistingue per professionalità, cortesia e grande senso di ospitalità?

Tutto vero ciò che sto raccontando!

È la seconda volta che vengo in questo angolo di paradiso, abbellito anche da una piscina.

Qui sembra di stare nella piazza del paese, dove in qualsiasi ora del giorno, fino al tramonto, si ritrovano numerosi ospiti di turno, riuniti per nuclei famigliari, attorno ai tavolini, per gustare il caffè o le bibite che il simpaticissimo Pasquale si affretta a servire.

Una piccola comunità multietnica di persone di ogni età, di ogni credo con simpatia e spontaneità scambia sorrisi, saluti e instaura sane e lodevoli amicizie.

Non è però solo la bella piazza-terrazza, tutta alberata, a creare vincoli di fraternità, ma anche il ristorante che, oltre al pregio dell’ampiezza e bellezza delle sale, si contraddistingue per la bontà e genuinità delle vivande, per la cordialità e la professionalità dei camerieri in perfetta tenuta di servizio, diretti magistralmente dal capo sala Paolo.

Ogni sera, inoltre, dopo cena, una porzione di terrazza si trasforma in una confortevole sala cinematografica a cielo aperto: il bravissimo Pasquale, infatti, tira fuori dal suo capiente cilindro un film più bello dell’altro.

Prima che inizi lo spettacolo c’è l’attesa del sorgere della Luna, che mostra, come sempre, tutto il suo splendore. Da questo vasto spiazzo la si vede spuntare all’orizzonte, prima rossa e poi man mano che si alza nel cielo, lucente a servizio della Natura, che da lei si sente protetta.

Grazie per questo eccellente dono, che, tradotto, è l’Hotel La Rotonda a Mattinata (FG)!

Pietrino Pischedda

2 settembre 2018

NECROPOLI ETRUSCA di CERVETERI

Posted on giu 03 in: Senza categoria - No Comments »

Cerveteri: alla scoperta del mondo degli Etruschi visitando l’immensa necropoli.


Sai, quando ti viene improvvisamente il ghiribizzo di fare qualcosa di culturalmente e ricreativamente diverso, sopratutto nel giorno della festa della Repubblica, che cosa avviene? Si parte di buon mattino e si adempie quel voto da anni agognato e mai realizzato. Una decisione repentina ma salutare quella di stamani di andare a visitare la necropoli etrusca di Cerveteri, a metà strada tra la Capitale e Civitavecchia. Quando si entra in quel Regno e si percorrono i lunghi e ombreggiati camminamenti tra frondose e maestose querce che vegliano sui numerosi tumuli che racchiudono le segrete tombe degli antichi Etruschi da XXV secoli, il silenzio cala tra i pellegrini che si apprestano a tributare la doverosa devozione alle anime dei Padri che aleggiano in ogni angolo dello sconfinato sacrario. Le pietre qui parlano: parlano etrusco; esprimono civiltà; narrano Arte, che ha segnato i secoli successivi. Suggestivo ed emozionante l’ingresso nella grande tomba ipogea appartenuta alla nobile famiglia dei Matuna o nella famosa tomba della Capanna che imita le abitazioni di quel periodo storico. Con marcata sorpresa il nostro andare tra i sepolcri è rimasto brevemente sospeso dall’apparizione di un gatto uscito chissà da quale anfratto. La presenza di quel micio ci ha fatto supporre che altri felini si aggirano tra gli infiniti tumuli ricoperti di vegetazione spontanea e comunicano con gli spiriti che si aggirano invisibili tra le pietre tagliate e scolpite dalle abili mani degli Etruschi, la cui civiltà non è destinata a perire ma a rimanere sempre viva nei secoli avvenire.

Pietrino Pischedda
2 giugno 2018

“AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA” al Brancaccio (11. 11. 2017): commento di Pietrino Pischedda

Posted on nov 12 in: Senza categoria - Commenti disabilitati

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA

Ieri sera al Brancaccio.

La commedia più bella che abbia mai visto a teatro. Tutto all’insegna dell’allegria, del divertimento e del rilassamento totale. E sì, proprio così. Dall’inizio alla fine, in un climax di battute, figurazioni, musiche, canti, immagini, ecc. l’attenzione dello spettatore non declina ma si fa via via sempre più viva in attesa dell’esito finale, che non può che essere considerato positivo dal punto di vista socioreligioso di una piccola comunità che si stringe attorno al suo parroco, strumento indiscutibile di redenzione e salvazione del suo esiguo gregge. Don Silvestro, interpretato dal magnifico Gianluca Guidi, figlio d’arte, degno erede del grande Johnny Dorelli, con il suo cast di attori altrettanto incantevoli e autentici professionisti, per tre ore strega il pubblico, che a più riprese applaude perché soddisfatto di tanta visione. Il secondo diluvio universale non avviene, nonostante la proclamazione di esso dalla viva voce del Padre che sta Lassù. Pochi sarebbero destinati a salvarsi, dopo aver consumato una notte d’amore prima di imbarcasi nell’Arca, costruita a regola d’arte secondo i dettami giunti dall’alto. Alla fine arriva il compromesso, curioso e significativo compromesso tra Dio e il suo rappresentante in sacris, don Silvestro, il quale, di fronte alla prospettiva che a salvarsi siano soltanto lui e l’innamoratissima Clementina, scende dall’Arca e si mostra risoluto a farsi travolgere dall’acqua insieme ai suoi fedeli. Una colomba, inviata da Dio, che raffigura Dio stesso che scende tra gli uomini, annuncia il sereno, pone fine alla tragedia del diluvio e occupa quel posto a tavola che era stato a bella posta riservato. Dio quindi si china verso l’umanità, credente e non credente, e porge la sua mano misericordiosa. È rilevante, a mio avviso, in questa commedia, l’aspetto dell’amore, mai considerato peccato ma alla fine redento attraverso l’unione sponsale tra Toto e Consolazione davanti al ministro della Chiesa. Interessante anche la “vexata quaestio” del celibato ecclesiastico, non condiviso (nella commedia) dalla Divinità parlante. Altre osservazioni si potrebbero fare e altre riflessioni si potrebbero proporre a chi non conosce quest’opera. Il mio consiglio è di recarsi a teatro!

Pietrino Pischedda

Rocca Imperiale (CS) Il Paese della Poesia a cura di Pietrino Pischedda

Posted on set 06 in: Senza categoria - No Comments »

Rocca Imperiale
(CS)


Il Paese
della
Poesia


a cura di Pietrino Pischedda



Rocca Imperiale non è il Paese dei Balocchi ma Il Paese della Poesia, il cui Castello Svevo ogni anno si reincanta come per magia, perché in esso aleggia la Musa che dall’alto ammanta il Borgo intero ornandolo di parole che suonano Poesia.


Questo villaggio, arroccato ai piedi del superbo Maniero, nelle sue vie strette e lastricate dà l’idea di un Santuario a cielo aperto, in cui il pellegrin che passa si sofferma di tanto in tanto a leggere e meditare le parole scolpite sulle stèle delle facciate delle case, a nome e ricordo di Poeti Nostrani, antichi e attuali.


Dall’alto della Rocca fino al Mare si inseguono vivide e divine le parole di migliaia di Poeti che si gloriano dell’alloro poetico ricevuto dalle mani del grande ispiratore e artefice de Il Federiciano, Giuseppe Aletti.


Io non ho più parole per narrare le meraviglie di Codesto Paese, perché ogni volta che mi accingo a parlarne rimango incantato e mi si spezza il sentire, che si annulla nella realtà beatificante del vedere.


È impressionante, infatti, vedere Piazza d’Armi, all’interno del Castello, gremita all’inverosimile di Innamorati della Poesia, accompagnati come a festa di nozze da parenti e amici che incoraggiano e plaudono.

La Poesia qui, in questa contrada calabra bagnata dal Mar Jonio, ci avverte che non è morta e non è fantasia ma è una Persona che vive e si eterna nella continuità senza fine dei suoi Cultori, che sono i Poeti di ieri e di oggi

FEDERICIANO IX di Pietrino Pischedda

Posted on ago 21 in: Senza categoria - No Comments »




FEDERICIANO  IX

Rocca Imperiale 18 – 26 agosto 2017

  • È la seconda volta che partecipo al Festival della Poesia egregiamente organizzato da Aletti Editore e dal suo Staff, compreso il piccolo Carlo, il quale, come il padre Giuseppe, promette bene in fatto di manager della sezione “Germogli”.
  • Chissà perché, ma stavolta ho sentito più vivo e familiare questo incontro di tanti poeti venuti da ogni parte d’Italia.
  • Mi sono emozionato come un bambino, quando Giuseppe Aletti, amico carissimo di “vecchia” data, ha rievocato la nascita della Rivista Orizzonti, alla cui realizzazione è stato importante anche il mio contributo nel lontano 1994.
  • Non so come ringraziare Giuseppe per l’elogio che ha fatto di me davanti al Sindaco e al vice Sindaco di Rocca Imperiale.
  • La Poesia anche quest’anno ci ha unito e ci ha sollecitato a coltivarla intensamente senza mai stancarci. Essa è vita ed è ispiratrice di alti sentimenti di fratellanza e di amore.
  • Il Paese della Poesia, Rocca Imperiale, nelle vie lastricate che s’inerpicano fino al Castello che sorveglia come Nume tutelare il borgo sottostante, è ormai diventato il Sacrario ideale e reale, dove la Parola poetica è stampata sulle facciate delle case e aleggia e profuma al pari dei limoni, copiosamente presenti in questa contrada.
  • Rientrato a Roma nel primo pomeriggio, sento ancora risuonare i versi declamati dai Poeti Federiciani in Piazza d’Armi all’interno del Castello. Risento pure la mia voce mentre proclama quelle parole che sanno di poesia.
  • Tutto il Borgo ormai, dalla possente Fortezza alla Marina, canta poesia.
  • Tutto merito di quel giovane che io conosco da tempo e che fa grande e importante la Poesia, Giuseppe Aletti.
  • Io sono tra i chiamati della prima ora (20 agosto).