L’uomo e il mare

Posted on lug 12 in: Senza categoria - No Comments »

L’uomo e il mare

Ebbene, oggi parliamo di mare! È la giornata del mare: l’uomo e il mare. Perché l’uomo e il mare? Perché l’uomo non potrebbe vivere senza il mare. Qualcuno ha definito quest’ultimo “madre”. Il mare è la madre che ci accoglie, ci culla, ci nutre e ci unisce tra fratelli. Al di là dell’orizzonte ci sono altri popoli che hanno le nostre stesse sembianze, un cuore che palpita d’amore, una mente che s’ispira a ideali di amicizia e di condivisione di valori comuni a tutti.
La prima volta che ho viaggiato su una nave non ho fatto altro che contemplare l’immensità del mare che si congiunge idealmente a quella del cielo, vuoi per l’azzurro che li caratterizza e vuoi per lo  specchiarsi dell’etere nella profondità delle acque.
Θάλασσα θάλασσα, fu il grido di gioia dei 10.000 greci alla vista del mare!
Mare mare, fu la mia espressione di esultanza quando per la prima volta, ancora bambino, arrivai in compagnia di mia madre in prossimità della spiaggia di Turas! Presi subito confidenza con il suo moto ondoso e mi deliziai delle sue carezze.
Stando a contatto col mare ti dimentichi di tutto: cessano le ambasce, i risentimenti, le scabrosità con i tuoi simili e le sofferenze che la vita ti presenta.
Le sensazioni e le emozioni che si provano viaggiando in aereo non sono paragonabili a quelle che si sperimentano navigando su una imbarcazione, piccola o grande che sia. Il mare lo vivi perché lo tocchi, perché immergendoti ne contempli le meraviglie di una bellezza inenarrabile.
Presso le rive dei mari  e dei fiumi sono nate le grandi civiltà. C’è tutta una letteratura, che si perde nella memoria dei millenni, che illustra quanto sia stato significativo per i popoli della Terra ritrovarsi presso un corso d’acqua  per meditare, piangere, e riprendere il cammino per una nuova vita. “Sui fiumi di Babilonia, / là sedevamo piangendo / al ricordo di Sion”. (Ps 137)
Oggi si vuole celebrare la giornata del mare e si vuole porre l’attenzione sul rispetto che a questo bene inestimabile dobbiamo riservare.
Pietrino Pischedda
Roma 12 luglio 2020

Leave a Reply