Impressioni personali: di Pietrino Pischedda

Posted on mag 19 in: Senza categoria - No Comments »

Impressioni personali

Nessuno può arrivare a conoscere in profondità la realtà delle cose, perché le cose stesse cambiano forma ad ogni istante e l’uomo, benché superiore alla materia, viene schiacciato da una massa mutevole e opprimente. È terribile constatare come l’essere umano, dotato di intelligenza, si lasci sopraffare dalla materia priva di capacità intellettive. Mi fa rabbia vedere gente che si amalgama volutamente con le cose non considerando che queste passano come uno tsunami insidioso e travolgente. Misero è l’uomo che ha perso il senso della propria umanità,  fatta di virtù sublimi non appannaggio di nessun altro essere del creato. Come mai l’uomo è giunto a un così grave stato di debolezza?
Capisco l’uomo sofferente, povero, ridotto alla miseria assoluta, travolto a sua insaputa dagli eventi che mutano di ora in ora. Basta una pandemia e la gente che già era povera rimane schiacciata dalla povertà stessa.
Non capisco l’uomo, anzi lo detesto, che approfitta delle catastrofi per arricchirsi ancora di più. È un malcostume, questo, che incancrenisce la mente umana e impedisce di vedere le situazioni del mondo.
Mi fanno piangere i miliardari che detengono ricchezze da capogiro. Mi fanno compassione! Prima o poi lasceranno tutto ciò che possiedono. A che pro accumulare? Basta una ventata di coronavirus a spazzare via così gran mole di beni!
Sono contento in questa fase 2 per i poveri che hanno riavviato le loro attività con la speranza di riottenere la serenità nell’esercizio del loro lavoro.
In questo inizio di ripresa, però, parlando con piccoli imprenditori, ho letto sul loro volto i segni dello sconforto e della disperazione.
Mi capita di incontrare di frequente gente che non sorride più, che non parla più, che non ha più il senso della socialità. Effetti della pandemia? Può darsi!
PpischeddaS
Roma 19 maggio 2020

Leave a Reply