Dubito ergo sum : di Pietrino Pischedda

Posted on mag 11 in: Senza categoria - No Comments »

Dubito ergo sum!

Sembro dubbioso! Più che dubbioso sono tremendamente preoccupato di come vanno le cose! Vorrei non vedere, non sentire, non giudicare, starmene insomma per i fatti miei, chiudermi nel silenzio e basta. Sono però un essere pensante, fermo nelle mie idee, che a volte possono sembrare d’atri tempi, cioè non al passo con questi che stiamo vivendo. Sono io che sbaglio o sbagliano coloro che non si attengono alle regole? Siamo tutti su questa barca che tende, a quanto pare, a metterci in salvo. Stando agli ultimi sondaggi, sul fronte del coronavirus, qui in Italia c’è da sperare bene. Quando poi leggi, senti altre notizie riferentisi a Paesi che credono di contare, divento anche dubbioso e, allo stesso tempo, incredulo di fronte all’ottimismo di certi personaggi che sfidano spavaldamente un morbo così subdolo e catastrofico, quale quello che il mondo intero sta amaramente vivendo. Troppo entusiasmo fa male, soprattutto in questi tempi! Noi italiani non siamo, come si vuol far credere, superficiali. Adesso che abbiamo iniziato la fase 2, ci accorgiamo, voltandoci indietro, che ci siamo comportati egregiamente nella fase 1, durata all’incirca due mesi, privandoci delle persone e delle cose a noi più care. Vedo che questo costume così giustamente severo, a parte qualche cretinata dei soliti ignobili, va sul corretto binario in questa seconda prova. Basterà, in ultima analisi, la nostra perseveranza per fugare ogni dubbio di ricaduta e quindi di esultare cantando il canto di vittoria? Ecco che a questo punto il dubbio mi inchioda alla realtà effettuale e mi porta a tenere i piedi ben posizionati sulla terraferma. Non penso più, quindi, ma dubito e persisto nel dubbio atroce che,  se siamo solo noi i virtuosi e gli altri, che credono di essere onnipotenti, non lo sono, ricadremo in una disfatta universale. È meglio dubitare nella prospettiva di volere e dover vivere che pensare di aver già passato il guado per poi non avere la certezza di sopravvivere.

PpischeddaS
10 maggio 2020

Leave a Reply