LA PESTE DI GIUSTINIANO DESCRITTA DA PROCOPIO DI CESAREA: a cura di Pietrino Pischedda

Posted on mar 26 in: Senza categoria - No Comments »

La peste di Giustiniano descritta da Procopio di Cesarea

541 – 542

A cura di Pietrino Pischedda traduttore del testo greco di seguito riportato

Breve presentazione

La peste di Giustiniano nel 541 è così denominata perché avvenne durante il regno dell’imperatore Giustiniano (527-565). Si diffuse prima nell’Impero romano d’Oriente e in seguito in tutto il bacino del Mediterraneo. È stata una delle epidemie devastanti della storia.

La causa della peste di Giustiniano fu un virus, lo Yersinia pestis, che colpi poi l’Europa nel Trecento (la peste nera).

Il contagio partì dall’Egitto; poi il morbo si propagò verso nord fino ad Alessandria. Viaggiò sulle navi mercantili e con le carovane. Infuriò nelle grandi città portuali e nei centri commerciali, dove la gente spesso abitava accalcata in condizioni igieniche abbastanza precarie. Ben presto l’epidemia arrivò anche a Costantinopoli, dove colpì senza tregua per quattro mesi tra il 541 e il 542.

Secondo lo storico Procopio di Cesarea, testimone oculare dell’epidemia, la peste decimò metà della popolazione della città, che in quegli anni contava circa un milione di abitanti. Un altro testimone, il vescovo Giovanni da Efeso, parla di circa 16 mila morti al giorno nella sola Costantinopoli.

La vita pubblica si bloccò quasi ovunque; i commerci si fermarono; la gente non usciva di casa per paura del contagio. Le campagne non poterono essere lavorate e i raccolti andarono perduti. Per molti, dopo la malattia ci fu la fame. I medici non avevano alcuna idea di come la malattia si diffondesse e tanto meno di come curarla. I rimedi si riducevano a bagni caldi, per cercare di far uscire dal corpo dei malati gli “umori” considerati “cattivi”.

Il segnale più evidente della malattia era un rigonfiamento, detto bubbone, all’inguine, sotto le ascelle oppure sulle cosce o dietro le orecchie. Alcuni provarono a inciderlo, senza ottenere alcun risultato. I malati che sopravvivevano diventavano, nella maggior parte dei casi, immuni alla malattia e solitamente non ne venivano più contagiati.

Presso gli antichi, ma anche nel Medioevo, la peste fu interpretata come segno della collera divina.

(Cfr. Wikipedia)

ΠΡΟΚΟΠΙΟΥ ΚΑΙΣΑΡΕΩΣ ΥΠΕΡ ΤΩΝ ΠΟΛΕΜΩΝ

PG Migne 2. 22

Ὑπὸ δὲ τοὺς χρόνους τούτους λοιμὸς γέγονεν, ἐξ οὗ δὴ ἅπαντα ὀλίγου ἐδέησε τὰ ἀνθρώπεια ἐξίτηλα εἶναι. ἅπασι μὲν οὖν τοῖς ἐξ οὐρανοῦ ἐπισκήπτουσιν ἴσως ἂν καὶ λέγοιτό τις ὑπ’ ἀνδρῶν τολμητῶν αἰτίου λόγος, οἷα πολλὰ φιλοῦσιν οἱ ταῦτα δεινοὶ αἰτίας τερατεύεσθαι οὐδαμῆ ἀνθρώπῳ καταληπτὰς οὔσας, φυσιολογίας τε ἀναπλάσσειν ὑπερορίους, ἐξεπιστάμενοι μὲν ὡς λέγουσιν οὐδὲν ὑγιὲς, ἀποχρῆν δὲ ἡγούμενοι σφίσιν, ἤν γε τῶν ἐντυγχανόντων τινὰς τῷ λόγῳ ἐξαπατήσαντες πείσωσι. τούτῳ μέντοι τῷ κακῷ πρόφασίν τινα ἢ λόγῳ εἰπεῖν ἢ διανοίᾳ λογίσασθαι μηχανή τις οὐδεμία ἐστὶ, πλήν γε δὴ ὅσα ἐς τὸν θεὸν ἀναφέρεσθαι. οὐ γὰρ ἐπὶ μέρους τῆς γῆς οὐδὲ ἀνθρώπων τισὶ γέγονεν οὐδέ τινα ὥραν τοῦ ἔτους ἔσχεν, ὅθεν ἂν καὶ σοφίσματα αἰτίας εὑρέσθαι δυνατὰ εἴη, ἀλλὰ περιεβάλλετο μὲν τὴν γῆν ξύμπασαν, βίους δὲ ἀνθρώπων ἅπαντας ἔβλαψε, καίπερ ἀλλήλων ἐς τοὐναντίον παρὰ πολὺ διαλλάσσοντας, οὔτε φύσεώς τινος οὔτε ἡλικίας φεισάμενον. εἴτε γὰρ χωρίων ἐνοικήσει εἴτε νόμῳ διαίτης, ἢ φύσεως τρόπῳ, ἢ ἐπιτηδεύμασιν, ἢ ἄλλῳ ὅτῳ ἀνθρώπων ἄνθρωποι διαφέρουσιν, ἐν ταύτῃ δὴ μόνῃ τῇ νόσῳ τὸ διαλλάσσον οὐδὲν ὤνησεν. ἐπέσκηψε δὲ τοῖς μὲν ὥρᾳ θέρους, τοῖς δὲ χειμῶνι, τοῖς δὲ κατὰ τοὺς ἄλλους καιρούς. λεγέτω μὲν οὖν ὥς πη ἕκαστος περὶ αὐτῶν γινώσκει καὶ σοφιστὴς καὶ μετεωρολόγος, ἐγὼ δὲ ὅθεν τε ἤρξατο ἡ νόσος ἥδε καὶ τρόπῳ δὴ ὅτῳ τοὺς ἀνθρώπους διέφθειρεν ἐρῶν ἔρχομαι. Ἤρξατο μὲν ἐξ Αἰγυπτίων οἳ ᾤκηνται ἐν Πηλουσίῳ. γενομένη δὲ δίχα πὴ μὲν ἐπί τε Ἀλεξανδρείας καὶ τῆς ἄλλης Αἰγύπτου ἐχώρησε, πὴ δὲ ἐπὶ Παλαιστίνους τοὺς Αἰγυπτίοις ὁμόρους ἦλθεν, ἐντεῦθέν τε κατέλαβε τὴν γῆν σύμπασαν, ὁδῷ τε ἀεὶ προϊοῦσα καὶ χρόνοις βαδίζουσα τοῖς καθήκουσιν. ἐπὶ ῥητοῖς γὰρ ἐδόκει χωρεῖν καὶ χρόνον τακτὸν ἐν χώρᾳ ἑκάστῃ διατριβὴν ἔχειν, ἐς οὐδένας μὲν ἀνθρώπων παρέργως τῷ φθόρῳ χρωμένη, σκεδαννυμένη δὲ ἐφ’ ἑκάτερα μέχρι ἐς τὰς τῆς οἰκουμένης ἐσχατιὰς, ὥσπερ δεδοικυῖα μή τις αὐτὴν τῆς γῆς διαλάθοι μυχός. οὔτε γὰρ νῆσόν τινα ἢ σπήλαιον ἢ ἀκρώρειαν ἐλίπετο ἀνθρώπους οἰκήτορας ἔχουσαν· ἢν δέ πού τινα καὶ παρήλασε χώραν, ἢ μὴ ψαύσασα τῶν ταύτῃ ἀνθρώπων ἢ ἀμωσγέπως αὐτῶν ἁψαμένη, ἀλλὰ χρόνῳ τῷ ὑστέρῳ αὖθις ἐνταῦθα ἐπανιοῦσα τῶν μὲν περιοίκων, οἷς δὴ πικρότατα ἐπέσκηψε πρότερον, οὐδαμῶς ἥψατο, τῆς δὲ χώρας ἐκείνης οὐ πρότερον ἀπέστη ἕως τὸ μέτρον ὀρθῶς καὶ δικαίως τῶν τετελευτηκότων ἀπέδωκεν, ὅπερ καὶ τοῖς ἀμφ’ αὐτὴν ᾠκημένοις χρόνῳ τῷ προτέρῳ διεφθάρθαι τετύχηκεν. ἀρξαμένη δὲ ἀεὶ ἐκ τῆς παραλίας ἡ νόσος ἥδε, οὕτω δὴ ἐς τὴν μεσόγειον ἀνέβαινε χώραν. δευτέρῳ δὲ ἔτει ἐς Βυζάντιον μεσοῦντος τοῦ ἦρος ἀφίκετο, ἔνθα καὶ ἐμοὶ ἐπιδημεῖν τηνικαῦτα ξυνέβη. ἐγίνετο δὲ ὧδε. φάσματα δαιμόνων πολλοῖς ἐς πᾶσαν ἀνθρώπου ἰδέαν ὤφθη, ὅσοι τε αὐτοῖς παραπίπτοιεν, παίεσθαι ᾤοντο πρὸς τοῦ ἐντυχόντος ἀνδρὸς, ὅπη παρατύχοι τοῦ σώματος, ἅμα τε τὸ φάσμα τοῦτο ἑώρων καὶ τῇ νόσῳ αὐτίκα ἡλίσκοντο. κατ’ ἀρχὰς μὲν οὖν οἱ παραπεπτωκότες ἀποτρέπεσθαι αὐτὰ ἐπειρῶντο, τῶν τε ὀνομάτων ἀποστοματίζοντες τὰ θειότατα καὶ τὰ ἄλλα ἐξοσιούμενοι, ὡς ἕκαστός πη ἐδύνατο, ἤνυον μέντοι τὸ παράπαν οὐδὲν, ἐπεὶ κἀν τοῖς ἱεροῖς οἱ πλεῖστοι καταφεύγοντες διεφθείροντο. ὕστερον δὲ οὐδὲ τοῖς φίλοις καλοῦσιν ἐπακούειν ἠξίουν, ἀλλὰ καθείρξαντες αὑτοὺς ἐν τοῖς δωματίοις, ὅτι δὴ οὐκ ἐπαΐοιεν προσεποιοῦντο, καίπερ ἀρασσομένων αὐτοῖς τῶν θυρῶν, δειμαίνοντες δηλονότι μὴ δαιμόνων τις ὁ καλῶν εἴη. τισὶ δὲ οὐχ οὕτως ὁ λοιμὸς ἐπεγίνετο, ἀλλ’ ὄψιν ὀνείρου ἰδόντες ταὐτὸ τοῦτο πρὸς τοῦ ἐπιστάντος πάσχειν ἐδόκουν, ἢ λόγου ἀκούειν προλέγοντος σφίσιν ὅτι δὴ ἐς τῶν τεθνηξομένων τὸν ἀριθμὸν ἀνάγραπτοι εἶεν. τοῖς δὲ πλείστοις οὔτε ὕπαρ οὔτε ὄναρ αἰσθομένοις τοῦ ἐσομένου εἶτα τῇ νόσῳ ξυνέβη ἁλῶναι. ἡλίσκοντο δὲ τρόπῳ τοιῷδε. ἐπύρεσσον ἄφνω, οἱ μὲν ἐξ ὕπνου ἐγηγερμένοι, οἱ δὲ περιπάτους ποιούμενοι, οἱ δὲ ἄλλο ὅ τι δὴ πράσσοντες. καὶ τὸ μὲν σῶμα οὔτε τι διήλλασσε τῆς προτέρας χροιᾶς οὔτε θερμὸν ἦν, ἅτε πυρετοῦ ἐπιπεσόντος, οὐ μὴν οὐδὲ φλόγωσις ἐπεγίνετο, ἀλλ’ οὕτως ἀβληχρός τις ἐξ ἀρχῆς τε καὶ ἄχρις ἑσπέρας ὁ πυρετὸς ἦν ὥστε μήτε τοῖς νοσοῦσιν αὐτοῖς μήτε ἰατρῷ ἁπτομένῳ δόκησιν κινδύνου παρέχεσθαι. οὐ γὰρ οὖν οὐδέ τις τελευτᾶν τῶν περιπεπτωκότων ἀπ’ αὐτοῦ ἔδοξεν. ἡμέρᾳ δὲ τοῖς μὲν τῇ αὐτῇ, τοῖς δὲ τῇ ἐπιγενομένῃ, ἑτέροις δὲ οὐ πολλαῖς ὕστερον βουβὼν ἐπῆρτο, οὐκ ἐνταῦθα μόνον, ἔνθα καὶ τὸ τοῦ σώματος μόριον, ὃ δὴ τοῦ ἤτρου ἔνερθέν ἐστι, βουβὼν κέκληται, ἀλλὰ καὶ τῆς μάλης ἐντὸς, ἐνίοις δὲ καὶ παρὰ τὰ ὦτα καὶ ὅπου ποτὲ τῶν μηρῶν ἔτυχε. Τὰ μὲν οὖν ἄχρι τοῦδε πᾶσιν ὁμοίως σχεδόν τι τοῖς τῇ νόσῳ ἁλισκομένοις ξυνέβαινε· τὰ δὲ ἐνθένδε οὐκ ἔχω εἰπεῖν πότερον ἐν τῷ διαλλάσσοντι τῶν σωμάτων καὶ ἡ διαφορὰ τῶν ξυμπιπτόντων ἐγίνετο, ἢ ὅπη ποτὲ βουλομένῳ εἴη τῷ τὴν νόσον ἐπαγαγόντι. ἐπεγίνετο γὰρ τοῖς μὲν κῶμα βαθὺ, τοῖς δὲ παραφροσύνη ὀξεῖα, ἑκάτεροί τε τὰ πρὸς τὴν νόσον ἐπιτηδείως ἔχοντα ἔπασχον· οἷς μὲν γὰρ τὸ κῶμα ἐπέκειτο, πάντων ἐπιλελησμένοι τῶν εἰωθότων σφίσιν ἐς ἀεὶ καθεύδειν ἐδόκουν. καὶ εἰ μέν τις αὐτῶν ἐπιμελοῖτο, μεταξὺ ἤσθιον, τινὲς δὲ καὶ ἀπημελημένοι ἀπορίᾳ τροφῆς εὐθὺς ἔθνησκον. οἱ μέντοι τῷ τῆς παραφροσύνης ἁλόντες κακῷ ἀγρυπνίᾳ τε καὶ φαντασίᾳ πολλῇ εἴχοντο, καί τινας ὑποπτεύοντες ἐπιέναι σφίσιν ὡς δὴ ἀπολοῦντας ἐς ταραχήν τε καθίσταντο καὶ ἀναβοῶντες ἐξαίσιον οἷον ἐς φυγὴν ὥρμηντο. οἵ τε αὐτοὺς θεραπεύοντες καμάτῳ ἀπαύστῳ ἐχόμενοι τὰ ἀνήκεστα ἐς ἀεὶ ἔπασχον. διὸ δὴ ἅπαντες αὐτοὺς οὐχ ἧσσον ἢ τοὺς πονουμένους ᾠκτίζοντο, οὐχ ὅτι τῷ λοιμῷ ἐπιέζοντο ἐκ τοῦ προσιέναι (οὔτε γὰρ ἰατρῷ οὔτε ἰδιώτῃ μεταλαχεῖν τοῦ κακοῦ τοῦδε τῶν νοσούντων ἢ τῶν τετελευτηκότων ἁπτομένῳ ξυνέβη, ἐπεὶ πολλοὶ μὲν ἀεὶ καὶ τοὺς οὐδὲν σφίσι προσήκοντας ἢ θάπτοντες ἢ θεραπεύοντες ταύτῃ δὴ τῇ ὑπουργίᾳ παρὰ δόξαν ἀντεῖχον, πολλοὶ δὲ τῆς νόσου ἀπροφασίστως αὐτοῖς ἐπιπεσούσης εὐθὺς ἔθνησκον), ἀλλ’ ὅτι ταλαιπωρίᾳ πολλῇ εἴχοντο. ἔκ τε γὰρ τῶν στρωμάτων ἐκπίπτοντας καὶ καλινδουμένους ἐς τὸ ἔδαφος ἀντικαθίστων αὖθις καὶ ῥιπτεῖν σφᾶς αὐτοὺς ἐκ τῶν οἰκημάτων ἐφιεμένους ὠθοῦντές τε καὶ ἀνθέλκοντες ἐβιάζοντο. ὕδωρ τε οἷς παρατύχοι, ἐμπεσεῖν ἤθελον οὐ δὴ οὐχ ὅσον τοῦ ποτοῦ ἐπιθυμίᾳ (ἐς γὰρ θάλασσαν οἱ πολλοὶ ὥρμηντο), ἀλλ’ αἴτιον ἦν μάλιστα ἡ τῶν φρενῶν νόσος. πολὺς δὲ αὐτοῖς καὶ περὶ τὰς βρώσεις ἐγένετο πόνος. οὐ γὰρ εὐπετῶς προσίεντο ταύτας. πολλοί τε ἀπορίᾳ τοῦ θεραπεύοντος διεφθάρησαν, ἢ λιμῷ πιεζόμενοι, ἢ ἀφ’ ὑψηλοῦ καθιέντες τὸ σῶμα. ὅσοις δὲ οὔτε κῶμα οὔτε παραφροσύνη ἐνέπεσε, τούτοις δὴ ὅ τε βουβὼν ἐσφακέλιζε καὶ αὐτοὶ ταῖς ὀδύναις οὐκέτι ἀντέχοντες ἔθνησκον. τεκμηριώσειε δ’ ἄν τις καὶ τοῖς ἄλλοις ἅπασι κατὰ ταὐτὰ ξυμβῆναι, ἀλλ’ ἐπεὶ ἐν αὑτοῖς ὡς ἥκιστα ἦσαν, ξυνεῖναι τῆς ὀδύνης οὐδαμῆ εἶχον, τοῦ πάθους αὐτοῖς τοῦ ἀμφὶ τὰς φρένας παραιρουμένου τὴν αἴσθησιν. Ἀπορούμενοι γοῦν τῶν τινες ἰατρῶν τῇ τῶν ξυμπιπτόντων ἀγνοίᾳ τό τε τῆς νόσου κεφάλαιον ἐν τοῖς βουβῶσιν ἀποκεκρίσθαι οἰόμενοι, διερευνᾶσθαι τῶν τετελευτηκότων τὰ σώματα ἔγνωσαν. καὶ διελόντες τῶν βουβώνων τινὰς ἄνθρακος δεινόν τι χρῆμα ἐμπεφυκὸς εὗρον. ἔθνησκον δὲ οἱ μὲν αὐτίκα, οἱ δὲ ἡμέραις πολλαῖς ὕστερον, τισί τε φλυκταίναις μελαίναις, ὅσον φακοῦ μέγεθος, ἐξήνθει τὸ σῶμα, οἳ οὐδὲ μίαν ἐπεβίων ἡμέραν, ἀλλ’ εὐθυωρὸν ἅπαντες ἔθνησκον. πολλοὺς δὲ καί τις αὐτόματος αἵματος ἐπιγινόμενος ἔμετος εὐθὺς διεχρήσατο. ἐκεῖνο μέντοι ἀποφήνασθαι ἔχω, ὡς τῶν ἰατρῶν οἱ δοκιμώτατοι πολλοὺς μὲν τεθνήξεσθαι προηγόρευον, οἳ δὴ κακῶν ἀπαθεῖς ὀλίγῳ ὕστερον παρὰ δόξαν ἐγίνοντο, πολλοὺς δὲ ὅτι σωθήσονται ἰσχυρίζοντο, οἳ δὴ διαφθαρήσεσθαι ἔμελλον αὐτίκα δὴ μάλα. οὕτως αἰτία τις ἦν οὐδεμία ἐν ταύτῃ τῇ νόσῳ ἐς ἀνθρώπου λογισμὸν φέρουσα· πᾶσι γάρ τις ἀλόγιστος ἀπόβασις ἐπὶ πλεῖστον ἐφέρετο, καὶ τὰ λουτρὰ τοὺς μὲν ὤνησε, τοὺς δὲ οὐδέν τι ἧσσον κατέβλαψεν. ἀμελούμενοί τε πολλοὶ ἔθνησκον, πολλοὶ δὲ παρὰ λόγον ἐσώζοντο. καὶ πάλιν αὖ τὰ τῆς θεραπείας ἐφ’ ἑκάτερα τοῖς χρωμένοις ἐχώρει, καὶ τὸ ξύμπαν εἰπεῖν οὐδεμία μηχανὴ ἀνθρώπῳ ἐς τὴν σωτηρίαν ἐξεύρητο, οὔτε προφυλαξαμένῳ μὴ πεπονθέναι οὔτε τοῦ κακοῦ ἐπιπεσόντος περιγενέσθαι, ἀλλὰ καὶ τὸ παθεῖν ἀπροφάσιστον ἦν καὶ τὸ περιεῖναι αὐτόματον. καὶ γυναιξὶ δὲ ὅσαι ἐκύουν προὖπτος ἐγίνετο τῇ νόσῳ ἁλισκομέναις ὁ θάνατος. αἱ μὲν γὰρ ἀμβλίσκουσαι ἔθνησκον, αἱ δὲ τίκτουσαι ξὺν αὐτοῖς εὐθὺς τοῖς τικτομένοις ἐφθείροντο. τρεῖς μέντοι λεχοῦς λέγουσι τῶν παίδων σφίσιν ἀπολομένων περιγενέσθαι, καὶ μιᾶς ἤδη ἐν τῷ τοκετῷ ἀποθανούσης τετέχθαι τε καὶ περιεῖναι τῷ παιδίῳ ξυμβῆναι. ὅσοις μὲν οὖν μείζων τε ὁ βουβὼν ᾔρετο καὶ ἐς πῦον ἀφῖκτο, τούτοις δὴ περιεῖναι τῆς νόσου ἀπαλλασσομένοις ξυνέβαινεν, ἐπεὶ δῆλον ὅτι αὐτοῖς ἡ ἀκμὴ ἐς τοῦτο ἐλελωφήκει τοῦ ἄνθρακος, γνώρισμά τε τῆς ὑγείας τοῦτο ἐκ τοῦ ἐπὶ πλεῖστον ἐγίνετο· οἷς δὲ ὁ βουβὼν ἐπὶ τῆς προτέρας ἰδέας διέμεινε, τούτοις περιειστήκει τὰ κακὰ ὧν ἄρτι ἐμνήσθην. τισὶ δὲ αὐτῶν καὶ τὸν μηρὸν ἀποξηρανθῆναι ξυνέβη, ἐφ’ οὗ ὁ βουβὼν ἐπαρθεὶς ὡς ἥκιστα ἔμπυος γέγονεν. ἄλλοις τε οὐκ ἐπ’ ἀκεραίῳ τῇ γλώσσῃ περιγενέσθαι τετύχηκεν, ἀλλ’ ἢ τραυλίζουσιν, ἢ μόλις τε καὶ ἄσημα φθεγγομένοις βιῶναι.

P r o c o p i o  d i  C e s a r e a

Descrizione della peste di Giustiniano

In questi tempi ci fu una pestilenza, in seguito alla quale poco mancò che tutta l’umanità scomparisse. A tutti quelli dunque che incolpano il cielo, forse potrebbe essere spiegata da parte di uomini audaci la ragione della causa. Coloro che sono pratici di queste cose amano spacciare frottole riguardo alle cause, che in nessuna parte sono comprensibili all’uomo, e oltrepassare i confini naturali, ben sapendo che dicono niente di sano, ma che basta loro contentarsi, qualora riescano a persuadere con l’inganno qualcuno dei lettori. Non c’è certamente nessun modo o di dire a parole o di calcolare col pensiero quale sia la causa di questo male, eccetto che farlo risalire a Dio. Non infatti si manifestò in una parte della terra né ad alcuni uomini né scelse una stagione dell’anno, da cui si potesse risalire a cause probabili, ma abbracciò tutta la terra, colpì la vita di tutti gli uomini, sebbene tra loro molto differenti, non risparmiando né il sesso né l’età. Infatti se pure gli uomini differiscono dagli uomini per provenienza e per modo di vivere o per ordine della natura o per professione o per qualunque altra cosa, stante questa malattia, per niente giovò la differenza. Ad alcuni piombò addosso d’estate, ad altri d’inverno, ad altri ancora in altre stagioni. Parli dunque ciascuno su queste cose in base a quello che sa, sia il sofista sia il meteorologo; io mi accingo a dire da dove questa malattia cominciò e in quale modo uccise i mortali. Cominciò dagli Egiziani che abitano a Pelusio e da qui, sdoppiatasi, invase Alessandria e il resto dell’Egitto; di là si diffuse in Palestina confinante con l’Egitto. Di qui invase tutta quanta la terra, sempre avanzando con metodo e camminando a tempi fissati. Sembrava infatti ritirarsi sotto certe condizioni e procrastinare il tempo fissato in ciascuna regione, di passaggio facendo del male verso nessuno degli uomini e diffondendosi da ambedue le parti fino a quelle estreme della terra abitata, quasi temendo che qualche recesso della terra lo occultasse. Né infatti risparmiò alcuna isola, né spelonca, né cima di monte abitate da persone. Qualora avesse oltrepassato qualche luogo, o non avendo toccato i suoi abitanti o in un modo qualunque toccatili, ritornando qui successivamente, in nessun modo colpì i vicini, che prima toccò molto duramente; da quel luogo non si allontanò prima che colmasse rettamente e giustamente la misura dei morti, come tempo prima per sorte aveva fatto perire quelli che vi abitavano intorno. Cominciando dalla costa marittima la malattia ormai avanzava verso la regione del Mediterraneo. Nel secondo anno a metà primavera giunse a Bisanzio, dove anche a me in tal momento capitò di essere presente. Avvenne così. A molti apparvero visioni di spiriti in ogni forma umana. Quanti s’imbattevano in essi, si credeva che urtassero contro il primo incontrato; secondo che s’imbatteva in una parte del corpo; appena vedevano questo spettro, subito venivano colpiti dal male. All’inizio dunque quelli che vi s’imbattevano cercavano di respingerli implorando le divinità più note e le altre allontanandole con una espiazione, come ciascuno poteva; non venivano però a capo di nulla, poiché i più, anche rifugiandosi nei templi, morivano; né volevano dare ascolto agli amici che chiamavano, ma rinchiusi nelle proprie camere, fingevano di non sentirli, sebbene bussassero alle loro porte, temendo che chi chiamava fosse uno degli spiriti. Ad alcuni la peste non sopraggiungeva così, ma dopo aver avuto una visione in sogno, sembrava che soffrissero davanti a chi si poneva davanti o udissero una voce che preannunciava che erano stati iscritti nel numero dei morti. A molti poi che non avevano percepito né in realtà né in sogno ciò che sarebbe accaduto, avvenne che furono colpiti dal morbo. Venivano colti in questo modo: all’improvviso avevano febbre, alcuni al risveglio, altri andando a passeggio, altri ancora facendo qualcos’altro. E il corpo né cambiava qualcosa del precedente colore né era caldo, in quanto che, sopraggiunta la febbre, non ne conseguiva alcuna infiammazione, ma dal mattino fino alla sera la febbre era così debole, che né ai malati né al medico che visitava appariva avvisaglia di pericolo. Nessuno infatti di quelli che erano incappati nella malattia sembrava che sarebbe morto a causa della stessa. Ad alcuni nello stesso giorno, ad altri in quello successivo, ad altri non molti giorni dopo spuntava un bubbone, non solo là, dove è il membro del corpo, che è nel basso ventre, chiamato bubbone, ma anche nel mezzo dell’ascella, ad alcuni anche dietro le orecchie e in qualunque parte delle cosce. Queste cose dunque fin qui accadevano quasi in eguale misura a tutti quelli che erano colpiti dal morbo. Per il resto non sono in grado di dire se la diversità dipendesse dalla differenza dei corpi e degli eventi, o comunque sia dalla volontà di chi contraeva la malattia. Sopraggiungeva infatti ad alcuni un coma profondo, ad altri un’acuta demenza; entrambi soffrivano conformemente alla malattia. Coloro infatti che giacevano in coma sembravano dormire sempre dimentichi di tutto ciò che era loro consueto. E se qualcuno si prendeva cura di loro, mentre mangiavano, alcuni trascurati morivano subito per mancanza di cibo. Coloro inoltre che erano presi dal male della demenza erano in preda a insonnia e a molte visioni. E sospettando che alcuni si avvicinassero a loro come destinati alla morte, si turbavano e gridando in maniera eccessiva si davano alla fuga. Quelli che erano al loro servizio, provati dalla fatica continua, erano  irreparabilmente rovinati. Perciò tutti avevano compassione non meno di quelli che di coloro che se ne occupavano, non perché  col contagio erano oppressi dall’avvicinarsi (né infatti a un medico né a un inesperto capitò col contatto di prendere in sorte il male dei malati e di chi era morto, dopo che da una parte molti o seppellendo o curando coloro che non erano loro parenti resistevano inaspettatamente a questa cura medica, mentre molti morivano subito essendo la malattia piombata loro addosso, implacabilmente), ma perché erano provati da eccessiva fatica. Infatti quelli che cadevano dai giacigli si voltolavano sul pavimento e li riponevano e quelli che volevano precipitarsi giù dai tetti li trattenevano respingendoli e tirandoli a sé. Coloro che s’imbattevano nell’acqua volevano immergersi in essa non tanto per il desiderio di bere (molti infatti bramavano il mare); ma una causa era soprattutto la malattia dell’anima. Molto fu  per loro anche lo sforzo faticoso per i pasti, non infatti facilmente vi si avvicinavano. Molti morivano per mancanza di assistenza o travagliati dalla fame o per volontaria caduta dall’alto.  Quanti non caddero né nel coma né nella demenza, a questi si seccava il bubbone ed essi non sopportando i dolori morivano. Qualcuno potrebbe dare prova che lo stesso capitò a tutti gli altri, ma poiché erano il meno possibile in sé, non avevano niente in comune col dolore, avendo la sofferenza tolto la percezione riguardo al senno.  Alcuni medici, però, essendo in difficoltà per l’ignoranza delle cose che accadevano, credendo che il punto principale della malattia avesse la risposta nei bubboni, decisero di esplorare i corpi dei morti. E avendo sezionato alcuni bubboni, trovarono che si era ingenerato qualcosa di terribile: gli uni morivano subito, gli altri dopo molti giorni. Ad alcuni il corpo fioriva di pustole della grandezza di una lenticchia, il quali neppure un giorno vivevano, ma morivano tutti immediatamente. Subito un vomito di sangue sopraggiunto spontaneo uccise molti. Ciò certamente posso dichiarare che i più illustri tra i medici predissero che sarebbero morti molti che al contrario poco dopo furono immuni da malattie, e che sarebbero stati in buona salute molti che immediatamente dovevano morire. Così non c’era alcuna causa in questa malattia che portasse ad umano intendimento. A tutti infatti si presentava un risultato di gran lunga illogico e mentre per alcuni erano di giovamento i bagni, per altri nulla di meno era d’impedimento. Molti, trascurati, morivano, mentre molti contro le aspettative si salvavano; e di nuovo la cura a quelli che ne avevano bisogno cedeva ora in una maniera ora nell’altra. In una parola nessun espediente si trovò per salvare l’uomo, né a chi si era premunito di non morire né di scampare al male piombato addosso. Ma il soffrire era implacabile e il sopravvivere un caso. Anche alle donne che erano incinte, prese dal morbo, fu manifesta la morte. Alcune infatti morivano abortendo, altre partorendo con gli stessi (figli) dati alla luce venivano subito a mancare. Dicono pure che tre puerpere sopravvissero, pur avendo perso i loro figli ed essendo una morta nel parto, partorì un bambino vivo. A quanti dunque maggiore cresceva il bubbone e si sviluppava in pus, a questi scampati alla malattia capitava di sopravvivere, poiché era chiaro che la fase acuta del carbonchio era cessata a tal punto, che questo era il segno mancante della salute. Ma a quelli a cui il bubbone rimaneva sotto il primo aspetto, i mali che già furono ricordati stavano loro attorno. Ad alcuni di loro capitò che la coscia si dissecò, per cui il bubbone levatosi su fu il meno possibile ulceroso. Ad altri capitò di sopravvivere con la lingua non integra, ma o balbettando o di vivere emettendo a stento parole incomprensibili.

(trad. p. pischedda: marzo 2020)

Leave a Reply